Luisa Porrino e Alessandro Verdecchi

 

Luisa Porrino  Amministratore Unico e Fondatore

Luisa Porrino

Luisa Porrino consegue nel 2000 il diploma di laurea in Fine Art al Southgate Greater College di Londra.

Nello stesso anno partecipa a uno stage presso il London Photographers Studios e consegue un master in regia cinetelevisiva presso l’Istituto Fellini di Torino.

In seguito è aiuto regista per una serie televisiva di Endemol Italia.

Nel 2002 si trasferisce a Roma e continua la sua attività free lance nei reparti regia di film, pubblicità e fiction tv. Durante lo stesso periodo è assistente alla regia per lo spot Telecom Gandhi di Spike Lee.

Dal 2006 al 2007 è assistant director per la serie TV Buttafuori per la prima stagione della serie televisiva Boris, prodotta da Wilder per Fox International Channels Italy, e scrive e dirige alcuni cortometraggi, curandone gli aspetti produttivi e finanziari.

Nel 2007 inizia la sua esperienza nel settore di produzione, come assistant producer prima, quindi come line producer per lungometraggi di coproduzione internazionale, curando la contrattualistica, e approfondendo l’approccio alle dinamiche di gestione aziendale di settore, e all’analisi di fattibilità e sviluppo di progetto. Lavora come film promoter per Delta Pictures, come script editor e development producer per Luna Film, e come line producer per Atlante Film & Minerva Pictures Group.

Nel 2010 Luisa Porrino costituisce la casa di produzioni cinematografiche Fargo Entertainment Srl, producendo webserie per FlopTV (canale di Fox International Channels) e alcuni cortometraggi.

Nel 2017 esce nelle sale Porto il Velo, Adoro i Queen, il suo primo lungometraggio.

Alessandro Verdecchi – Producer

Alessandro Verdecchi

Alessandro Verdecchi è un produttore indipendente attivo da più di trent’anni.

Tra lungometraggi, corti, documentari e miniserie fiction per la Rai, produce circa quarantacinque film.

Ha vinto quattro César in Francia, e il suo film Les Nuits Fauves è stato nominato all’Oscar come miglior film straniero.

I suoi film spaziano tra vari generi. Nel 1987 Sembra morto… ma è solo svenuto è in concorso alla Settimana della critica di Venezia.

Molte sono le sue coproduzioni di respiro internazionale, tra le altre Thy Kingdom Come (coproduzione Italia/Argentina/Spagna), Bal-Can-Can (Italia/Austria), il film d’autore La Tosca di Benoit Jacquot, una coproduzione Italia/Francia/Germania/Gran Bretagna insieme a Daniel Tuscan Du Plantier.

L’amor Cortese (Italia/Austria) e Transgression (Italia/Spagna/Canada) sono le sue coproduzioni internazionali più recenti.

Alessandro Verdecchi dedica da sempre molte energie ai cortometraggi; Fare bene Mikles è vincitore del Golden Globe come miglior cortometraggio. Rosy-Fingered Dawn – Un film su Terrence Malick è stato presentato nella sezione Nuovi Territori alla Mostra del Cinema di Venezia.

Alessandro Verdecchi dà molto spazio a produzioni legate ai nuovi media e alle tecnologie digitali. Hidden, in coproduzione con il Canada, è la prima produzione italiana di film in 3D.

Porto il velo, adoro i queen è il suo lungometraggio più recente.