Fargo Entertainment, la pillola gialla del cinema indipendente





Fargo Entertainment, la pillola gialla del cinema indipendente





Fargo Entertainment è una società di Roma che produce cinema indipendente, fondata da Luisa Porrino, regista e produttrice di audiovisivi.

Separando le sillabe della parola Fargo si comprende la mission della casa di produzione cinematografica di Roma. Far Go esprime al meglio dove Luisa vuole arrivare: lontano, molto lontano.

Il lemma Fargo è familiare non solo ai fan del cinema dei fratelli Coen, bensì a tutti i cinefili incalliti che amano il cinema di qualità. La pellicola di Joel ed Ethan è arricchita da paesaggi estranianti al di là dei lontanissimi orizzonti del Minnesota. La Fargo Entertainment, col fermo intento di valicare ogni tipo di confine tematico, stilistico e di genere, ha intrapreso un viaggio che promette di essere lungo.

I lettori del capolavoro di J.D. Salinger, Il giovane Holden, si sono dati le più diverse risposte in merito alla celebre questione sollevata dal protagonista del romanzo: «Io abito a New York, e pensavo al laghetto di Central Park, vicino a Central Park South. Chi sa se quando arrivavo a casa l’avrei trovato gelato, mi domandavo, e se era gelato, dove andavano le papere? Chi sa dove andavano le papere quando il laghetto era tutto gelato e col ghiaccio sopra. Chi sa se qualcuno andava a prenderle con un camion per portarle allo zoo o vattelappesca dove. O se volavano via».



La pillola gialla del cinema indipendente

Fargo Entertainment, la pillola gialla del cinema indipendente

Una delle papere del giovane Holden alloggia in casa Fargo; è in grado di solcare tanto i mari in tempesta, quanto i più vasti oceani quando è calma piatta.

Ha una missione da compiere: abbattere il muro che separa la finzione dalla realtà per approdare a lidi inesplorati, e afferrare qualche brandello di verità.

La nostra papera di gomma è maestra nella difficile arte della resilienza: pur affrontando i più scottanti temi sociali che caratterizzano la contemporaneità, riesce sempre ad assorbire l’urto senza rompersi, perché adotta la strategia dell’intrattenimento mediante l’insostenibile leggerezza della commedia.

I film e gli audiovisivi prodotti, a prescindere dal genere, ambiscono a lasciare negli spettatori, una volta abbandonata la sala, la possibilità di acquisire un punto di vista alternativo, se non inedito, su quanto è accaduto, accade, o promette di accadere sulla superficie del nostro Pianeta.

Tra pillola rossa e pillola blu la Fargo Entertainment ha optato per quella gialla; quella che permette di affrontare le molteplici criticità sociali, infrangere le barriere ideologiche del conformismo, e rimbalzare (illesi per miracolo), lontano… molto lontano – fino ad arrivare là dove nessuna papera è mai giunta prima.


Luisa Porrino e Alessandro Verdecchi

 

Luisa Porrino  Amministratore Unico e Fondatore

Luisa Porrino

Luisa Porrino consegue nel 2000 il diploma di laurea in Fine Art al Southgate Greater College di Londra.

Nello stesso anno partecipa a uno stage presso il London Photographers Studios e consegue un master in regia cinetelevisiva presso l’Istituto Fellini di Torino.

In seguito è aiuto regista per una serie televisiva di Endemol Italia.

Nel 2002 si trasferisce a Roma e continua la sua attività free lance nei reparti regia di film, pubblicità e fiction tv. Durante lo stesso periodo è assistente alla regia per lo spot Telecom Gandhi di Spike Lee.

Dal 2006 al 2007 è assistant director per la serie TV Buttafuori per la prima stagione della serie televisiva Boris, prodotta da Wilder per Fox International Channels Italy, e scrive e dirige alcuni cortometraggi, curandone gli aspetti produttivi e finanziari.

Nel 2007 inizia la sua esperienza nel settore di produzione, come assistant producer prima, quindi come line producer per lungometraggi di coproduzione internazionale, curando la contrattualistica, e approfondendo l’approccio alle dinamiche di gestione aziendale di settore, e all’analisi di fattibilità e sviluppo di progetto. Lavora come film promoter per Delta Pictures, come script editor e development producer per Luna Film, e come line producer per Atlante Film & Minerva Pictures Group.

Nel 2010 Luisa Porrino costituisce la casa di produzioni cinematografiche Fargo Entertainment Srl, producendo webserie per FlopTV (canale di Fox International Channels) e alcuni cortometraggi.

Nel 2017 esce nelle sale Porto il Velo, Adoro i Queen, il suo primo lungometraggio.

Alessandro Verdecchi – Producer

Alessandro Verdecchi

Alessandro Verdecchi è un produttore indipendente attivo da più di trent’anni.

Tra lungometraggi, corti, documentari e miniserie fiction per la Rai, produce circa quarantacinque film.

Ha vinto quattro César in Francia, e il suo film Les Nuits Fauves è stato nominato all’Oscar come miglior film straniero.

I suoi film spaziano tra vari generi. Nel 1987 Sembra morto… ma è solo svenuto è in concorso alla Settimana della critica di Venezia.

Molte sono le sue coproduzioni di respiro internazionale, tra le altre Thy Kingdom Come (coproduzione Italia/Argentina/Spagna), Bal-Can-Can (Italia/Austria), il film d’autore La Tosca di Benoit Jacquot, una coproduzione Italia/Francia/Germania/Gran Bretagna insieme a Daniel Tuscan Du Plantier.

L’amor Cortese (Italia/Austria) e Transgression (Italia/Spagna/Canada) sono le sue coproduzioni internazionali più recenti.

Alessandro Verdecchi dedica da sempre molte energie ai cortometraggi; Fare bene Mikles è vincitore del Golden Globe come miglior cortometraggio. Rosy-Fingered Dawn – Un film su Terrence Malick è stato presentato nella sezione Nuovi Territori alla Mostra del Cinema di Venezia.

Alessandro Verdecchi dà molto spazio a produzioni legate ai nuovi media e alle tecnologie digitali. Hidden, in coproduzione con il Canada, è la prima produzione italiana di film in 3D.

Porto il velo, adoro i queen è il suo lungometraggio più recente.

 

Productions

 

Lungometraggi

<!Porto il velo>

Porto il velo, adoro i Queen 

Locandina di 'Porto il velo, adoro i Queen'FestivalRIFF 2016, Official Selection

Uscita sala Marzo 2017

Titolo internazionaleRock ‘n’ Roll Hijab – Women Beyond the Veil

SoggettoLuisa Porrino, Sumaya Abdel Qader

SceneggiaturaLuisa Porrino

Cast Sumaya Abdel Quater, Batul Hanife, Takoua Ben Mohamed

SalesAgent GA&A

DistribuzioneMOVIEDAY

Direttore della fotografia Marina Kissopoulos

MontaggioAndrea Gagliardi

Aiuto regista / seconda unità Giovanni Dentici

Post produzione Pyramid Factory Srl 

FormatoDCP

Durata81 min.

Cortometraggi

<!Codici d’amore>

Codici d’amore

Locandina di Codici d'amore

Festival
Vincitore di Migrarti 2017, in concorso al Festival del cinema di Venezia.
Titolo internazionale
Love Codes
Un film di
Saverio Paoletta, Paola Morini, Harvinder Capil Sigh
Prodotto da
Luisa Porrino
Cast
Navampreet Kaur, Welly Marguerite Lottin, Neda Shafiee Moghaddam
Musiche
Eboa Lottin
Montaggio
Edilio Milsani, Paola Morini, Saverio Paoletta
Fonico di presa diretta
Alessandro Leone
Codici d’amore è realizzato in partenariato con:
AMSI – Associazione dei Medici di Origine Straniera d’Italia
ASLI – Associazione Lavoratori Stranieri in Italia
EURO-LATINA – Associazione socio-culturale
FO.DO.MI – Associazione delle Donne Marocchine in Italia
GRIOT – Associazione culturale
NUOVO ORIZZONTE – Associazione culturale
TEMPI MODERNI – Associazione di Promozione Sociale
ZHONGHUA – Associazione di Promozione Sociale
Line producer
Giovanni Dentici
Post produzione
Pyramid Factory
Color correction
Paolo Buonpane
Sound editing e mix
Massimo Filippini
Anno
2017
Formato
DCP
Durata
15 min.

 

<!Contenuto zero>

Contenuto zero

Locandina di 'Contenuto zero'.

Scritto e diretto da
Luisa Porrino
Con
Gabriella Barbuti, Fabio Balasso
Direttore della fotografia
Samir Iacovone
Costumi e scenografia
Francesca Kildani
AMontaggio
Alfredo Angelo Orlandi, Alessandro Roberti
Suono di presa diretta
Giorgio Esposito
Realizzato con
Il Patrocinio e il Contributo della Presidenza del Consiglio Regionale del Lazio
Anno
2012
Formato
DCP
Durata
8 min.

 

<!Give me my space>

Give Me My Space

Locandina di Give Me My Space

Regia e sceneggiatura
Luisa Porrino
Con
Ilaria Stivali
Direttore della fotografia
Vittorio Daniele
Montaggio
Andrea Falbo
Animazione
Andrea Gianfelice
Direttore della fotografia
Vittorio Daniele
Montaggio
Andrea Falbo
Musiche
Radiosa Romani
Anno
2009
Formato
DCP
Durata
5 min.

<!Il bordo>

Il bordo

Locandina di 'Il bordo'

Regia e soggetto
Luisa Porrino
Sceneggiatura
Luisa Porrino, Alessio Mazzolotti
Fotografia
Vittorio Daniele
Montaggio
Christian Lombardi, Sabrina Basilico
Scenografia
Vitaliano Crispo, Samuela Licalzi
Musica
Luca Boriani
Suono
Mirko Bonello
Cast
Nicola Ciammarughi
Produzione
Wu Tang, Mediamak
Durata
8 min.
Anno
2004

 

Sperimentali

<!trans>

Trans

Locandina di Trans

Un film di
Marco Costa
Cast
Juana Jimenez, Chiara Pavoni, Raissa Dubrà, Stefania Visconti
Prodotto da
Luisa Porrino e Alessandro Verdecchi
Produttore esecutivo
FlopTV
Direttore della fotografia
Francesco Di Giacomo
Musiche di
Radiosa Romani
Montaggio
Martina Nogarotto
Anno
2011
Formato
DCP
Durata
7 min.

 

<!Alteregay>

Alteregay

Locandina di AlteregayScritto daSimone Bonacci e Lucio LepriRegiaLucio LepriProdotto daLuisa Porrino e Alessandro VerdecchiProduttore esecutivoFlopTVCastSimone Bonacci, Giorgio Santangelo, Francesco Eleuteri, Adrienne Bini, Julio Solinas, Giorgia Fini, Nicola Zamperetti, Giorgia Marzi, Maria Teresa di Gennaro, Rosella Petrucci, Priscilla GiuliacciSound designerAntonio CasellaDurataDieci episodi di circa 8 min.Anno2011

 

Developments





Audiovisivi di Fargo Entertainment in fase progettuale e di sviluppo.


Fargo Entertainment è alla continua ricerca di temi e idee su cui sviluppare nuovi progetti.

Quanti libri e quante sceneggiature leggono ogni anno Luisa ed Alessandro? Una quantità inimmaginabile. Ma le fonti da cui Fargo Entertainment vuole lasciarsi suggestionare non sono unicamente letterarie. L’indagine dei conflitti (o dei progressi) che permeano la società contemporanea genera in continuazione nuove urgenze espressive e comunicative in grado di innescare la genesi di un nuovo audiovisivi.

Il motto ‘Giriamo film e li facciamo girare‘ riassume la triplice mission che Fargo Entertainment si è data:

  • Scrivere testi e sceneggiature in autonomia e produrli sia dal punto di vista creativo, sia da quello esecutivo.
  • Produrre film e progetti di autori, registi e sceneggiatori interessanti sia dal punto di vista artistico, sia per la qualità del messaggio, con particolare attenzione alle coproduzioni di respiro internazionale.
  • Cercare fin dalla fase embrionale di sviluppo le modalità di distribuzione ritenute idonee, con un occhio di riguardo per quelle innovative (ad esempio, la piattaforma web Movieday).

Fargo Entertainment non andrà mai d’accordo con chi sostiene che “buoni confini creano buoni vicini“. Abbattere i muri ideologici non solo dà vita a quel meticciato culturale che è il vivificante sottobosco delle nuove forme di espressione, di comunicazione, e dei nuovi modelli sociali; è anche molto, molto divertente.



Le forme dell’amore

L’amore è condizionato dal tempo e dal luogo in cui si vive. Le coordinate spazio-temporali in cui sboccia ne influenzano la nascita, la vita e la sua fine.

Amare un uomo sposato e farci un figlio. Amare un uomo dell’età del proprio figlio. Amare un uomo essendo un uomo. Questi amori che oggi sono ritenuti normali, qualche decennio fa davano scandalo. Le forme dell’amore è un film corale perché parla di storie di persone comuni in un ambiente circoscritto (la Costiera Amalfitana in tutta la sua prepotente bellezza). È, tuttavia, un film di ampio respiro perché vuole raccontare un sentimento universale, indefinibile e inafferrabile. E parlare dell’amore, implicitamente, significa parlare di un’epoca.



La Costa Amalfitana, location di Le forme dell'amore.

La Costa Amalfitana è l’incantevole location di ‘Le forme dell’amore’.

Scritto e diretto da
Mariella Sellitti
Genere
Drammatico
Location
Positano




Confine Nord (tramonto a Ovest)

C’è chi fugge dalla noia e chi dalla guerra. C’è chi nella fuga riesce a trovare quello che cerca al di fuori dei limiti culturali, maturando responsabilità oltre i confini dei propri bisogni.

Luca ha diciannove anni. Fugge da una madre ossessiva e dalla responsabilità di una paternità non voluta. Yussef e Naila sbarcati sulle coste italiane fuggono dalla guerra. I tre fuggiaschi si incontrano in un bosco di alta montagna e …


Regia
Luisa Porrino
Scritto da
Marco Panichella, Luisa Porrino
Genere
Drammatico
Location
Catena montuosa delle Alpi
Durata
80 min.




My Family

My Family narra le avventure degli immigrati italiani in Canada. Rita Amabili-Rivet, scrittrice e teologa canadese di radici italiane, racconta la storia del nonno, che agli inizi del ‘900 migrò insieme a centinaia di suoi connazionali.

Immigrati italiani in Canada.

Immigrati italiani in Canada




La cucina futurista

Il Manifesto della Cucina Futurista, firmato da Filippo Tommaso Marinetti e Fillia (pseudonimo del poeta Luigi Colombo), è una raccolta di pensieri e precetti futuristi sulla gastronomia in cui, oltre all’eliminazione della pastasciutta, si predicava l’abolizione della forchetta e del coltello.

Copertina del Manifesto della cucina futurista di F. T. Marinetti e Fillia

Manifesto della cucina futurista

Scritto da
Maria Luisa Celani e Leonardo Clerici (nipote di Marinetti)
Prodotto da
Fargo Entertainment in collaborazione con Morganti & Partners


Contact us





Dove trovare e come contattare Fargo Entertainment


FARGO ENTERTAINMENT Srl
Via Giuseppe Ferrari, 12,
00195, Roma.



Scrivici quello che pensi.
Ti risponderemo superprestissimo!



Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesta)

Oggetto

Progetti e candidatureComunicazioni amministrativeRichieste/info film

Il tuo messaggio

Allegati (max 5MB)